DACIA MARAINI: LA SEDUZIONE DI UNA VITA, TRA PAROLE E SCRITTURA, AL COLASANTO DI ANDRIA

maraini2Ospitiamo l’articolo della prof.ssa Gemma De Chirico sull’emozionante incontro con la grande scrittrice:

Stamattina, 3 dicembre 2016, in una giornata di sole invernale, gli studenti dell’I.I.S.S. “G.Colasanto” di Andria, si sono riscaldati alle parole emozionanti di Dacia Maraini, la grande scrittrice e sceneggiatrice, nata fiesolana, con sangue siciliano. Dacia Maraini è, ormai, una costellazione, nel nostro firmamento letterario, più volte candidata al Nobel e vincitrice di moltissimi premi letterari.  Una forza umana, prima che un’artista, di tutto rispetto. Un’età che, per i più, non è verde (ha, da poco, compiuto ottant’anni, splendidamente portati!), ma che , ai più, fa “tremar le vene e i polsi”, per la potenza che emana da questa figura, esile alla vista, ma gigantesca quando la si “vive”.  Gli alunni del “Colasanto”, stamane, hanno avuto la fortuna di essere intrattenuti, per un paio d’ore circa, da questo fiume di umanità e vivacità culturale. I ragazzi, per la maggior parte frequentanti le classi del triennio, si sono debitamente “informati” sul percorso umano ed artistico di questa donna, condividendo molte delle sue riflessioni, scaturite da una grande sofferenza, per strade di vita non sempre facili, come l’esperienza del campo di concentramento dove, ogni giorno, per due lunghissimi anni, ha mangiato terra e speranza di vita!  I ragazzi hanno letto alcune opere della scrittrice e si sono avvicinati ad un mondo fatto di sentimento e bellezza interiore, di grande dignità e di gioia di esserci, sotto questo quadrato di stelle! Debitamente supportati da insegnanti capaci, motivati e motivanti, hanno letto l’ultima fatica, “La bambina e il sognatore” ma, anche e soprattutto, “L’amore rubato”, di stringente attualità, sia alla luce del 25 novembre, “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne”, cui il “Colasanto ha dedicato uno spettacolo teatrale, sia per i brutti fatti di cronaca che ci servono, a cadenza ormai quotidiana, femminicidi, stupri e abusi vari, ai danni dell’”altra metà del cielo”.

Il “Colasanto” è, da sempre, attento e “quasi…pignolo”, nell’educazione dei suoi alunni, fedele alla consegna che, a scuola, si costruisce il futuro e che lo stesso cammini sulle gambe, a volte ancora incerte, di ragazzini che diventano uomini e di bambine che sapranno raccontare di sé ad altri sé”, come sottolinea il Dirigente Scolastico, Prof. Roberto Tarantino per cui, la scuola non “è una strada della vita ma, se percorsa bene, pur tra ciottoli e pietre sporgenti è, essa stessa, vita”. E, in obbedienza a questo canovaccio  educativo, il “Colasanto” accoglie tutte le proposte atte a far crescere le persone che, un giorno, ci daranno la mano, per portarci dall’altra parte della strada. Non è un compito facile o indolore, perché se ci si mette il cuore, in quel che si fa, capita che il prezioso muscolo, a volte, sanguini ma, i ragazzi del “Colasanto” sanno ripagare scommesse e attese con risultati emozionanti. L’incontro con una grande anima, quale è Dacia Maraini, è una di quelle proposte che serve  a confortare i ragazzi sulle scommesse che ogni vita fa , al futuro e di spalle al muro. E, in questo, gli alunni hanno un valido aiuto negli insegnanti,  come la Prof.ssa Maria Teresa Ignagni e la Prof.ssa Francesca Ruggiero, che hanno fortemente voluto questo incontro e si son mosse per tempo, con l’interessare il corpo docente tutto e con il formare adeguatamente i ragazzi all’incontro . Gli alunni hanno posto molte domande alla scrittrice, domande che sono state sollevate nelle aule, durante la lettura e le riflessioni sui testi. Molti alunni si sono avvicendati al microfono, vincendo la naturale ritrosìa fanciulla. A tutte le domande, Dacia Maraini ha risposto, anche tirando fuori dal suo “Secretum” ricordi dolorosi, con la sua dolce forza e con l’evidente soddisfazione che prende quando ci si sente  compresi e quando si vedono, ripetuti in giovani voci, gli accordi della nostra musica. L’incontro si è concluso con il dono di una ghirlanda, bellissima, confezionata dai ragazzi dell’Istituto, che conteneva un altro dono, come in una serie di scatole cinesi, racchiuse nel dono più grande, ossia l’incontro con una donna ed un’artista…vera!

GEMMA DE CHIRICO

SPETTACOLO TEATRALE PER LA “GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE” AL COLASANTO DI ANDRIA

gemma1

L’I.I.S.S. “G.Colasanto” di Andria, in occasione della “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne”, mette in scena, il 25 novembre, nell’Auditor
ium, una serie di rappresentazioni “mimate”
, che traducono in gesti le parole, ed il significato profondo, di alcuni brani della musica d’autore, aventi per tema la donna abusata o umiliata. Protagonista della giornata, sarà la compagnia teatrale di cui l’Istituto si è arricchito, “Banco ….di stelle”, a sintetizzare un passaggio, ed un connubio, dai banchi di oggi alle stelle di domani. Dopo i saluti d’inizio, la manifestazione si aprirà con un monologo, a cura di un’alunna che impersonerà Franca Viola, la prima donna a rifiutarsi di cedere ad un matrimonio “riparatore”, nella Sicilia degli anni ’60 del secolo scorso e divenuta, così, il simbolo dell’emancipazione femminile, in un tempo in cui le donne erano sottomesse all’autorità maschile. Poi ci sarà un intervento della Prof.ssa Porzia Quagliarella, psicoterapeuta nonché docente dell’Istituto, che affronterà il delicato tema delle “Identità ferite”. A seguire, la recitazione di un testo poetico, creato dalle alunne della classe 5^B PCP, guidate e coordinate dalla Prof.ssa Ester Caputo. Seguiranno le rappresentazioni mimate, a commento di tre canzoni sul tema, “L’amore rubato”, di Luca Barbarossa, “Mary”, dei Gemelli Diversi e “Nanì”, scritta da Lucio Dalla per Davide Carone. Le piccole pieces saranno intervallate da letture tratte da “Ferite a morte”, cruda raccolta di brani di Serena Dandini. I brani, scelti dalla Prof.ssa Francesca Ruggero, docente di Lettere dell’Istituto, saranno letti da alunne del Liceo Artistico, corredate da una voce fuori campo, proveniente dallo stesso settore. A seguire, un medley di canti popolari al femminile, a cura delle alunne della terza e della quinta Liceo Artistico, su base musicale del Prof. Salvatore Simonetti. Infine, l’alunna Federica Giordano canterà un brano in inglese, a far da sfondo ad un balletto curato dalle alunne Marika Cifaratti e Simona Spada. Per la durata dell’intero collage di rappresentazioni, sullo sfondo passeranno le immagini curate dal Prof. Marco Lanciotto e da Nunzio Sarlenga, co-registi e scenografi.  Intorno al palco e nella sala antistante l’Auditorium, ci saranno un allestimento fotografico ed un dipinto ad olio, a cura dei ragazzi del settore Grafico e del Liceo Artistico, coordinati dal Prof. Matteo Notarangelo. Sui cavalletti saranno esposti dipinti a tema, realizzati dai ragazzi del Liceo Artistico, guidati e coordinati dalla Prof.ssa Silvia D’Avanzo e dai Prof. Giuseppe Colangelo e Sergio Rubini. Il servizio fotografico e il video, nonché la supervisione “tecnica” dell’intero evento, è a cura del Prof. Mario di Matteo e della “ColasantoPressAgency”.

Ancora una volta, l’I.I.S.S. “G. Colasanto” si mostra sensibile a tematiche delicate e pronto a raccogliere ogni sfida che possa rendere più ricca e motivata la crescita dei ragazzi che si impegna a formare, restando fedele all’assunto che la Scuola, come più volte affermato dal Dirigente, Prof. Roberto Tarantino,  è chiamata a “costruire” persone, in cui possano convivere, in stretta simbiosi, l’individuo ed il cittadino. Ed ogni tassello che sia utile a costruire quel mosaico di colori che sarà la persona di domani, è una pietra miliare nell’economia educativa dell’Istituto. Il 25 novembre, si darà forma e colore…a questo tassello!

GLI STUDENTI DEL COLASANTO DI ANDRIA PREMIATI AL DI.DI.DAY

Ben 64 le scuole che hanno partecipato al “Di.Di.Day”, Discovery Digital Day, il concorso regionale di fotocomposizione digitale, indetto per le scuole secondarie di  I e II grado di tutta la Regione. concorso

Finalità del concorso è quella di stimolare gli studenti a riflettere sul supporto offerto dalle innovazioni tecnologiche a diversi processi, con particolare attenzione al mondo scolastico, alle modalità di apprendimento, alle opportunità lavorative riferibili all’innovazione digitale.

Tutti gli studenti partecipanti hanno presentato fotocomposizioni originali accompagnate da brevi didascalie di  “oggetti” del passato e i loro “sostituti” (es. macchina da scrivere – stampante ultimo modello ecc.) o di “oggetti” recenti (es. cuffie bluetooth), nati a seguito delle innovazioni tecnologiche a partire dalla introduzione dell’uso delle reti internet , oppure di “oggetti” prodotti con stampanti 3D.

Dopo una selezione dei lavori, che ogni scuola partecipante all’iniziativa ha presentato, la Commissione Regionale, verificata la qualità degli stessi, in conformità ai criteri previsti dal bando quali l’originalità, l’efficacia comunicativa, la qualità tecnica e il livello di approfondimento delle informazioni di accompagnamento, ha deliberato l’assegnazione dei voucher agli studenti e ai loro docenti. Tra i meritevoli sono stati premiati gli studenti dell’Istituto Colasanto: Alessia Aglieta, Ylenia Di Gennaro e Antonio Nevola (dell’indirizzo Grafico del Colasanto) e Bruno Sabrina e Capogna Benedetta (del Liceo Artisticoconcorso1). Gli alunni sono stati seguiti dai docenti Alessio De Luca e Mario Ruggiero Di Matteo.

Agli studenti e ai docenti vincitori sarà garantita la possibilità di fruizione dei corsi di preparazione on line, previa registrazione sul portale www.edocwork.it. La consegna dei voucher sarà effettuata durante un incontro con i vincitori nel corso dell’anno scolastico 2016-17.

Giornata Europea delle Lingue all’I.I.S.S. Colasanto di Andria

Su iniziativa del Consiglio d’Europa, si è celebrata la Giornata europea delle lingue, come ogni anno a partire dal 2001. Il Dipartimento di Lingue dell’I.I.S.S. “G. lingue03Colasanto” ha ritenuto opportuno celebrare questa giornata con l’obiettivo di rafforzare  ed educare i nostri studenti al dialogo e al rispetto della diversità linguistico-culturale, che da sempre caratterizza l’Europa. Nel laboratorio di metodologie operative è stato allestito un buffet di specialità dolciarie tipiche dei vari paesi europei, preparate da studenti, genitori e docenti. Il ricavato delle vendite è stato devoluto in beneficienza a favore degli studenti più bisognosi del nostro istituto. Studenti e docenti hanno preso parte alla manifestazione presso l’auditorium: video, canzoni e poesie in varie lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese). È lodevole il contributo degli alunni diversamente abili e dei docenti specializzati, sia nell’allestimento del buffet sia nella preparazione di cartelloni e cartoncini sul pluringuismo, leitmotiv della Giornata europea delle lingue.