gemma1

L’I.I.S.S. “G.Colasanto” di Andria, in occasione della “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne”, mette in scena, il 25 novembre, nell’Auditor
ium, una serie di rappresentazioni “mimate”
, che traducono in gesti le parole, ed il significato profondo, di alcuni brani della musica d’autore, aventi per tema la donna abusata o umiliata. Protagonista della giornata, sarà la compagnia teatrale di cui l’Istituto si è arricchito, “Banco ….di stelle”, a sintetizzare un passaggio, ed un connubio, dai banchi di oggi alle stelle di domani. Dopo i saluti d’inizio, la manifestazione si aprirà con un monologo, a cura di un’alunna che impersonerà Franca Viola, la prima donna a rifiutarsi di cedere ad un matrimonio “riparatore”, nella Sicilia degli anni ’60 del secolo scorso e divenuta, così, il simbolo dell’emancipazione femminile, in un tempo in cui le donne erano sottomesse all’autorità maschile. Poi ci sarà un intervento della Prof.ssa Porzia Quagliarella, psicoterapeuta nonché docente dell’Istituto, che affronterà il delicato tema delle “Identità ferite”. A seguire, la recitazione di un testo poetico, creato dalle alunne della classe 5^B PCP, guidate e coordinate dalla Prof.ssa Ester Caputo. Seguiranno le rappresentazioni mimate, a commento di tre canzoni sul tema, “L’amore rubato”, di Luca Barbarossa, “Mary”, dei Gemelli Diversi e “Nanì”, scritta da Lucio Dalla per Davide Carone. Le piccole pieces saranno intervallate da letture tratte da “Ferite a morte”, cruda raccolta di brani di Serena Dandini. I brani, scelti dalla Prof.ssa Francesca Ruggero, docente di Lettere dell’Istituto, saranno letti da alunne del Liceo Artistico, corredate da una voce fuori campo, proveniente dallo stesso settore. A seguire, un medley di canti popolari al femminile, a cura delle alunne della terza e della quinta Liceo Artistico, su base musicale del Prof. Salvatore Simonetti. Infine, l’alunna Federica Giordano canterà un brano in inglese, a far da sfondo ad un balletto curato dalle alunne Marika Cifaratti e Simona Spada. Per la durata dell’intero collage di rappresentazioni, sullo sfondo passeranno le immagini curate dal Prof. Marco Lanciotto e da Nunzio Sarlenga, co-registi e scenografi.  Intorno al palco e nella sala antistante l’Auditorium, ci saranno un allestimento fotografico ed un dipinto ad olio, a cura dei ragazzi del settore Grafico e del Liceo Artistico, coordinati dal Prof. Matteo Notarangelo. Sui cavalletti saranno esposti dipinti a tema, realizzati dai ragazzi del Liceo Artistico, guidati e coordinati dalla Prof.ssa Silvia D’Avanzo e dai Prof. Giuseppe Colangelo e Sergio Rubini. Il servizio fotografico e il video, nonché la supervisione “tecnica” dell’intero evento, è a cura del Prof. Mario di Matteo e della “ColasantoPressAgency”.

Ancora una volta, l’I.I.S.S. “G. Colasanto” si mostra sensibile a tematiche delicate e pronto a raccogliere ogni sfida che possa rendere più ricca e motivata la crescita dei ragazzi che si impegna a formare, restando fedele all’assunto che la Scuola, come più volte affermato dal Dirigente, Prof. Roberto Tarantino,  è chiamata a “costruire” persone, in cui possano convivere, in stretta simbiosi, l’individuo ed il cittadino. Ed ogni tassello che sia utile a costruire quel mosaico di colori che sarà la persona di domani, è una pietra miliare nell’economia educativa dell’Istituto. Il 25 novembre, si darà forma e colore…a questo tassello!

Lascia un commento